Blog

Venerdì, 20 Marzo 2015 00:00

Dolce & Gabbana e le dichiarazioni sulla famiglia, semplice strategia di marketing

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

E ci risiamo! Nel nostro bel paese ogni volta si parla di temi legati alla famiglia e ai gay accade il finimondo.
Ricordiamo tutti quello che è successo con il caso Barilla quando Guido Barilla, ad una domanda a lui fatta durante il famoso programma radiofonico La Zanzara su Radio 24, rispose che per la sua azienda il concetto di famiglia è legato fondamentalmente alla classica "Sacra" Famiglia e che i gay possono preferire o meno la loro pasta, a lui non interessava.
Non lo avesse mai detto, web e giornali in rivolta, tentativo di boicotaggio da parte dei consumatori gay che non intaccò minimamente le quote di mercato dell'azienda. Nonostante gli effetti furono più positivi che negativi per la Barilla, l'imprenditore si scusò con i consumatori e apportò modifiche alle politiche aziendali estendendo le tutele sanitarie ai propri dipendenti transgender e alle loro famiglie. Per di più la Barilla divenne testimonial di campagne di donazione fondi ad associazioni gay.

Il caso di Dolce & Gabbana invece è completamente diverso.
Nel caso barilla quelle dichiarazioni non facevano parte di alcuna strategia, ma nel caso dei noti stilisti, il loro "outing" su determinati temi fa parte di una studiata campagna di marketing.

La dichiarazione nella quale Dolce & Gabbana sottolineano che l'unica famiglia è quella tradizionale e che sono contrari ai "figli in provetta" (con malumori da parte soprattutto di Elton John), fa parte di una strategia che da anni l'azienda sta attuando.

Sono molti gli elementi che confermano questa tesi vediamo quali:
Dapprima il progetto web DGFamily in cui vengono raccolte foto di famiglia da parte degli utenti che è diventato anche lo spunto per una ricerca sociologica a cura del Centro Moda Cult dell’Università Cattolica di Milano, sulla rappresentazione della famiglia, ma anche su come agisce l’immaginario pubblicitario sulla realtà emotiva.
Intitolare "W la Mamma" (#DGMamma) la sfilata di moda tenutasi a milano con la presentazione della loro collezione fall-winter donna 2016 facendo uscire nel finale le modelle con in braccio un bambino.
Nel loro sito web nella sezione Inspiration viene mostrata la foto di una vasta famiglia di chiari origine siciliane. Per di più nella press release della sfilata Fall-Winter Collezione Uomo 2016 vengono indicati i membri delle famiglie dei modelli presenti alla sfilata e dulcis in fundo, le immagini utilizzate nelle loro campagne pubblicitarie da 5 anni a questa parte sono realizzate con foto di modelle e modelli con madri di famiglia di origini siciliane.

E proprio per questi motivi una campagna di marketing quando viene legata a temi particolarmente delicati e soprattutto molto sentiti come la famiglia e tutti i valori che ci girano intorno può suscitare in chi non crede o no ha questi valori reazioni particolarmente critiche, posizioni che sono comunque da rispettare in quanto ognuno di noi ha avuto diverse esperienze nella propria vita e tali esperienze fanno formato la nostra coscenze critica.
Ma alla fine nel mondo della comunicazione il tutto si riassume in questa semplice frase "nel bene o nel male purchè se ne parli".
Voi cosa ne pensate? Ritenete efficace questo tipo di campagne pubblicitarie?

 

Video

Letto 2092 volte Ultima modifica il Venerdì, 20 Marzo 2015 13:43
Back To Top

Graphic Addicted utilizza cookies di terze parti per offire funzionalità superiorI e per migliorare la sua esperienza sul nostro sito.
Continuando la navigazione si considera accettato il loro utilizzo.
Per maggiori informazioni su come vengono utilizzati i cookies su questo sito può leggere qui l'informativa estesa.